VITA SENZA MILZA - Silvia F.
------------------------------------------------------------------------------


Da: Silvia F.

A: paolo@paolo-landi.it
Data: Tue, 31 May 2011 09:14:57 +0200
Oggetto: VIVERE SENZA MILZA.
 
Silvia 49 anni - Milza asportata a novembre 2010.
 
Innanzi tutto complimenti per aver aperto questo forum che mi é stato di aiuto e ho consultato spesso subito dopo l'intervento.
 
Mi hanno asportato la milza per trauma a seguito di una banalissima caduta dentro le mura domestiche: purtroppo ho sbattuto nel punto sbagliato. Sono andata in ospedale per scrupolo e dopo circa 5 ore di accertamenti da una tac è risultata la rottura della milza.
Sono stata operata d'urgenza e non ho avuto nemmeno il tempo di rendermi conto di quello che mi stava capitando: a tutto avrei pensato tranne che a una cosa del genere. Quindi mi sono trovata catapultata in questa nuova realtà. Chi mi ha dimesso dall'ospedale, mi ha molto allarmata, consigliandomi di evitare i posti affollati e i bambini che sono portatori di virus e batteri (io ho due figli quindi cosa impensabile!!!!) visto che le mie difese immunitarie sarebbero tornate nella normalità, forse (e non sicuramente) dopo due anni dall'intervento. Solo dopo un mese e mezzo dalle dimissioni ho scoperto, da una visita ematologica, che esistono dei vaccini da fare in via cautelativa. Fatte le vaccinazioni attualmente sto assumendo giornalmente la cardioaspirina per via delle piastrine che, dalle ultime analisi risultavano 530.000. Mi hanno detto di prendere gli antiaggreganti fino a che non scenderanno a 400.000. L' ematologo mi ha anche consigliato di fare una puntura mensile di antibiotico in via preventiva che io, però non sto facendo. Prenderò l'antibiotico quando ci sarà la necessità.
 
A sei mesi dall'intervento, comunque, posso dire di sentirmi bene. Ho ripreso a fare la vita di tutti i giorni, non avverto una stanchezza particolare. Ho ricominciato anche a fare attività fisica. Cerco di stare un pò attenta all'alimentazione ma anche per problemi di linea oltre che di salute. La ferita non mi dà particolari fastidi certo dal punto di vista estetico sicuramente mi limita: quest'anno metterò il costume intero invece del bikini e questo mi dispiace.
 
Mi farebbe piacere sapere, se qualcuno di voi lo sa, quando più o meno le piastrine dovrebbero tornare nella norma. Da quello che ho letto su questo forum solo poche persone assumono la cardioaspirina forse perchè le piastrine non si sono alzate più del dovuto? E' il mio ematologo che é esagerato? Qualcuno di voi fa l'iniezione mensile di antibiotico?

Un saluto
 
Silvia

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Da Paolo

Carissimi colleghi,
si è aggiunta Silvia che pone alcune domande. Se gentilmente potete rispondere per mio tramite:

1) Quanto tempo ci vuole perché i valori delle piastrine tornino nella norma ?
2) Da quello che ho letto su questo forum solo poche persone assumono la cardioaspirina forse perchè le piastrine non si sono alzate più del dovuto? E' il mio ematologo che é esagerato?
3) Qualcuno di voi fa o a fatto l'iniezione mensile di antibiotico?

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Da Paolo.
Cara Silvia,
1) Puoi scaricare, vedere e usare l'andamento delle mie analisi dopo la splenectomia
http://www.paolo-landi.it/Downloads/Salute/MILZA%20Recupero%20da%20Ospedale.xls.
Come puoi vedere, io impiegai 71 giorni per riportare i valori delle piastrine dentro i limiti max.

2) Non ho mai preso la cardioaspirina. Noto che ai colleghi che hanno subito la splenectomia nei recenti anni viene prescritta la cardioaspirina. Forse la medicina e il tuo ematologo sa qualcosa che ai nostri tempi chirugici non si conosceva.

3) Su prescrizione del chirurgo ho preso solo una confezione di antibiotici uscito dall'ospedale poiché mi venne la febbre. Mai fatto o sentito di altri che hanno preso gli antibiotici in forma preventiva comunque ho mandato le tue domande anche agli altri. Se ti viene una forte febbre è conveniente concordare con il tuo medico gli antibiotici e non la semplice tachipirina. Ricorda sempre ai medici che sei senza milza.

E' vero comunque che all'inizio sei più a rischio sino a che il tuo organismo non a rilocato le funzioni della milza e da profano non penso che gli antibiotici "preventivi" aiutino in questo a meno che non sia un particolare antibiotico. Forse il tuo ematologo li prescrive solo come forma di assicurazione da eventuali cause nei suoi confronti. .... e il tuo medico di base che dice ? Certo gli ematologi sono i massimi esperti nel nostro caso ed è difficile darti una risposta convincente a parte le nostre esperienze !!!

Mi autorizzi a pubblicare la tua storia a similitudine degli altri senza dati personali di e-mail ? Mi dici la prima lettera del tuo cognome ?

Ciao
Paolo
------------------------------------------------------------------------

Da: "antonio
A: paolo@paolo-landi.it
Data: Tue, 31 May 2011 12:39:45 +0200
Oggetto: RE: Domande : VIVERE SENZA MILZA.

ciao paolo
non faccio esami da molto tempo, ormai e quando mi sono rotto la milza io era tutta un'altra epoca...
non ricordo esattamente la durata della terapia, ricordo però che feci wiciliina e gammaglobuline sotto forma di puntura per diversi mesi, per riassestare il sistema immunitario
 
hanno funzionato, evidentemente, almeno fino ad oggi (34 anni dal trauma)

tutto qua
ciao
a

------------------------------------------------------------------------

Da: "Daniele G"
A: "Paolo LANDI" paolo@paolo-landi.it
Data: Tue, 31 May 2011 21:06:02 +0200
Oggetto: R: Domande : VIVERE SENZA MILZA.

Ciao sono Daniele G. io ho subito l’asportazione della milza nel lontano 1988 oltre alla parte terminale del pancreas a causa di u n incidente in bici. Forse come dice Paolo a tempi addietro le conoscenze in questo campo erano meno approfondite di oggi oppure i medici adesso esagerano nel dare farmaci come a cautelarsi da eventuali cause nei loro confronti da parte dei pazienti ma a me quando mi hanno dimesso dall’ospedale Niguarda di Milano non hanno dato nessun farmaco e nessuna precauzione per quanto riguarda la splenectomia. Non ricordo di aver fatto nessun esame del sangue a parte una visita in ospedale di controllo dopo un mesetto ed una seconda qualche tempo dopo … poi basta. Da allora dopo la normale convalescenza conduco una vita normale … A come te ho avuto qualche problema a far vedere la cicatrice che nel mio caso e molto ampia circa 35cm ad elle. Ora me ne frego altrimenti che posso fare METTERE IL COSTUME D’UN PEZZO????????
Ti faccio i miei migliori auguri e ti rimando ad ulteriori approfondimenti.

------------------------------------------------------------------------


Da: Silvia F.
A: "Paolo LANDI" paolo@paolo-landi.it
Data: Wed, 1 Jun 2011 09:24:21 +0200
Oggetto: Re: RE: Domande : VIVERE SENZA MILZA.

Carissimi,
grazie per avermi risposto.

Paolo, puoi tranquillamente pubblicare la mia esperienza omettendo la mail e i dati personali. L'iniziale del mio cognome é F.

Un saluto

Silvia

------------------------------------------------------------------------

Da: "Rosanna P
A: paolo@paolo-landi.it
Data: Mon, 6 Jun 2011 17:29:03 +0100 (BST)
Oggetto: Re: Domande : VIVERE SENZA MILZA.

ciao
sono senza milza dal 1975
una cisti scoppiò all'interno della milza ,,
non ho mai avuto problemi di piastrine sempre alte ma nella norma
ho allergie varie
raffreddori ,ma poco altro ,
non ho mai fatto antiaggreganti ne' cure antibiotiche se non al momento dell'intervento e dopo quando mi ammalavo, mai preso cardioaspirina
il mio taglio e' orrendo ,,,,2 uno sull'altro avevo 23 anni ,,,,,,,,,
più 2 drenaggi dove c'era la milza .hanno lasciato 2 buchi ,,,,
mai più 2 pezzi ,,

ma sono viva!
baci

------------------------------------------------------------------------

 

Da Paolo

 

Grazie,
inoltro la tua risposta a Silvia.
In riferimento alla tua condivisibilissima affermazione "ma sono viva": io aggiungo per il mio caso che il chirurgo che mi operò disse che se la lacerazione della mia milza fosse stata 1 cm più in alto e non fossi stato in sala operatoria in 15 minuti sarei morto. Quel che è ancora più fatalmente strano è che io sono andato in ospedale 7 giorni dopo la botta. Avevo due costole rotte, un colpo di tosse e ... wrang !!
In merito alle cicatrici se uno può e vuole la chirurgia estetica "plastica" è oggi più abbordabile. Io personalmente, le cicatrici non le nascondo, ma sono per certi versi un uomo all'antica.
Baci
Paolo
------------------------------------------------------------------------


Da: "Rosanna P.
Data: Mon, 6 Jun 2011 23:04:43 +0100 (BST)

ciao
per le cicatrici
ormai ho 57 anni
non ho mai pensato di fare interventi estetici ,
quando si va sotto i ferri per malattie poi non ci si pensa di tornarci per estetica ,,,,,,,sono segni che rimangono su di noi a ricordare ,,,,
un saluto auguri

------------------------------------------------------------------------

 
Da: Silvia F.
Data: Wed, 8 Jun 2011 09:25:24 +0200

Anche io, come Rosanna, non ho nessuna intenzione di tornare sotto i ferri per un intervento estetico!!!! La cicatrice fa parte ormai della mia vita e mi ci sto abituando. E' il segno che sono sopravvissuta a questa brutta esperienza.

Un saluto a tutti
 
Silvia

------------------------------------------------------------------------

 

 


Se qualche medico è in grado di rispondere o qualcuno vuol condividere le sue esperienze senza milza può contattarmi che inoltrerò l'e-mail tramite paolo@paolo-landi.it aggiungendola poi di seguito

  Web Design by Paolo LANDI
 In questa pagina sei il visitatore n° 4295
Copyright © 2014 paolo-landi.it